The Elder Scrolls Online: Waking Flame – Recensione

Con il rilascio di The Elder Scrolls On-line: Waking Flame siamo giunti praticamente a metà dell’Anno for each l’MMORPG targato Zenimax e Bethesda, e arrive al solito l’espansione aggiunge because of nuovi dungeon, che faranno da ponte nella storia chiama “I Cancelli dell’Oblivion“. Il DLC funge quindi da riempitivo dopo la pubblicazione dell’ottimo Blackwood, in attesa dunque dell’arrivo della seconda parte dell’avventura annuale, che arriverà nei prossimi mesi. Oltre ai because of dungeon però Waking Flame ha visto anche l’arrivo di un nuovo corposo update for every quanto riguarda la produzione, aggiornamento di cui vi parleremo più avanti.

Appear ormai certamente saprete, tutte le verify dedicate a The Elder Scrolls Online avvengono sulla versione PlayStation del titolo, e proprio da Blackwood stiamo giocando nella versione PS5. 

Perciò, GRGRGFB è tornato ancora una volta, e questa è la nostra recensione di The Elder Scrolls On the net: Waking Flame!

I thanks dungeon: Crimson Petal Bastion e Dread Cellar

Come avviene ormai da svariati anni, The Elder Scrolls Online vede la pubblicazione di 4 DLC, because of che aggiungono parti della storia e altri due che invece aggiungono dungeon e altre sfide for each gli utenti. Waking Flame non sfugge a questa logica, e quindi i due livelli aggiuntivi ci porranno davanti ad una storia dall’alto contenuto di loot, boss e soprattutto un discreto livello di sfida, for every i giocatori più esperti del titolo. Anche in questo caso, come accaduto spesso negli ultimi anni e in questa tipologia di espansioni, i dungeon vedono un livello ben costruito, mentre l’altro tende a non essere di livello particolarmente eccelso. Non ce ne vogliate, il livello foundation da cui partono questi dungeon è sempre piuttosto alto, ma nel caso di Waking Flame si vede la differenza tra i due, con Dread Cellar a risultare nettamente migliore e più profondo di Purple Petal Bastion.

Come detto, entrambi fungono da ampliamento della storia nartrata in Blackwood, e prendono le mosse proprio dalla fine degli eventi narrati in esso. Questi appear al solito invoglieranno i giocatori ad esplorare, alla ricerca di loot, ma soprattutto for each andare ad affrontare tutti i boss in essi presenti, di modo tale ovviamente da migliorare ancora di più il proprio inventario e salire di livello. Una cosa che sicuramente si evince è che questi dungeon sono abbastanza semplici, e, affrontandoli senza dedicarsi troppo tempo ad esplorare, si esauriscono e si completano in tempi piuttosto brevi, specialmente se affrontati in gruppo, dove magari sono presenti giocatori di livello estremamente alto. 

Un altro elemento che comunque ci ha lasciati perplessi sta nel fatto che questi due dungeon non vadano ad aggiungere praticamente nulla di nuovo. DI solito, nei vari dungeon affrontati negli ultimi anni, veniva inserita qualche meccanica particolare, che dava varietà al tutto, ma in questo caso non è così. Diciamo che la varietà in generale è venuta a mancare, in quanto comunque i thanks livelli presentano uno stile e un’ambientazione praticamente identica tra loro, cosa che potrebbe significantly storcere più di qualche naso. Nel complesso però, se siete giocatori di livello non particolarmente alto, e magari volete affrontare dei dungeon non estremamente impegnativi, allora Waking Flame fa for every voi.

L’update 31

Arrive detto, in accompagnamento alla pubblicazione di Waking Flame è arrivato anche l’Update 31, che possiamo considerare arrive un aggiornamento “tecnico”, in quanto va ad investire principalmente il comparto tecnico del gioco, soprattutto for each quanto riguarda le versioni up coming-gen, che comunque, arrive avevamo notato ai tempi di Blackwood, sicuramente avevano bisogno di un importante lavoro di revisione. Questo  stato iniziato proprio con questo aggiornamento, che è andato a toccare diversi aspetti della grafica, ma anche dei bilanciamenti generici for each quanto concerne il gameplay. Un elemento che però sta emergendo con forza, specie dopo il lancio delle nuove versioni del gioco, che hanno portato quindi advert un “riaffollamento” dei server, è la sempre crescente difficoltà nel riuscire a formare i gruppi di gioco, oppure a torvare gruppi già formati ai quali unirsi con il Group FInder. Elemento questo sul quale ci auguriamo che Zenimax vada ad intervenire.

in conclusione

The Elder Scrolls Online: Waking Flame è un DLC che si limita all’aggiunta di owing nuovi dungeon, che, senza dubbio, aggiungono qualcosa, ma non si tratta di nulla che possa andare a rubare l’occhio, dati tutti gli elementi che vi abbiamo esposto nella nostra recensione. I thanks dungeon hanno sì qualche elemento di qualità, ma come detto restano vincolati ad una scarsa varietà, che li rende giocabili e sicuramente divertenti, ma non vanno advertisement aggiungere niente di memorabile al già ricchissimo panorama di contenuti che The Elder Scrolls Online ha da offrire for each tutte le categorie di giocatori.

The Elder Scrolls On line-: Waking Flame è disponibile su Laptop, PS4, Xbox One, PS5, Xbox Sequence X | S e Google Stadia. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *